Ho avuto la mia parte di Rapallo


Ho avuto la mia parte di RapalloSotto il titolo: ” Ho avuto la mia parte di Rapallo “ il “ The People “ dell’11 luglio 1954 pubblica su tre colonne un articolo di Arthur Helliwell sulla nostra città. E’ interessante riportarlo sia per le considerazioni qualche volta molto acute sia perché il quotidiano in questione è uno dei più diffusi in Inghilterra (circa 4 milioni di copie), nonché perché è sempre interessante conoscere come ci vedono gli altri, gli stranieri in ispecie, e se possibile,emendarci eliminando tutte le manchevolezze riscontrate. Ecco il testo dell’ articolo:
“Le stelle scintillanti di questo cupo cielo italiano sono state le inconsuete testimoni di grandiose e simpatiche manifestazioni fin dal momento in cui sono arrivato qui da Venezia. Anche la pallida e sonnolente luna che pende dal cielo come su di uno scenario coperto di velluto nero è stato momentaneamente oscurata. Infatti per tre notti consecutive hanno avuto luogo dei fuochi artificiali di tale magnificenza e grandiosità che non ricordo di averne visto mai prima d’ora. Seguite dagli sguardi di un’enorme folla assiepata lungo la passeggiata a mare, migliaia  di razzi si sono innalzati nel cielo notturno, scoppiando sopra il golfo in fontane di colori inimmaginabili come se la mano di un gigante gettasse dei gioielli incandescenti attraverso il cielo. Questo spettacolo pirotecnico splendente e scintillante è una specie di sorprendente festival religioso eseguito in onore della Madonna di Montallegro, che ogni anno trasporta gli abitanti di questa graziosa località marinara in uno stato di gioiosa euforia.

Venne l’alba e lo sbarramento di fuoco
Non si può dire certamente che sia uno spettacolo romantico, ma come assalto ai timpani può essere paragonato ad un bombardamento bellico poiché, sfortunatamente per noi, gli italiani calcolano più importante il rumore che il colore della coreografia pirotecnica. Ed io ritengo siano stati esplosi intorno al golfo negli ultimi tre giorni tanti colpi da impiegare tanta polvere da sparo quanto potrebbe essere sufficiente da affondare una nave da battaglia. Ero venuto qui elusivamente per il mio sonno che aveva ricevuto un fiero colpo dall’interminabile scampanare dei bronzi veneziani. Queste campane cominciano a suonare alle cinque di mattino e per di più il mio albergo si trovava al di là del canale, proprio nel punto dove si trovava la più grossa, la più insistente, la più rumorosa campana di tutta Venezia. Ma invece di trovare pace e quiete fui svegliato subito dopo l’alba da una tremenda barricata di fuochi che facevano letteralmente tremare i vetri e le finestre della mia stanza. Gli eccitati abitanti davano la stura alle festività facendo scoppiare centinaia e centinaia di mortaretti, una specie di coppe di acciaio collegate fra di loro da polvere da sparo, che scoppiavano con la violenza dei cannoni del Bosforo. Incidentalmente dirò che i mortaretti erano disposti sulla passeggiata senza alcuna sorveglianza e che cosa sarebbe successo se uno delle migliaia di villeggianti inavvertitamente avesse gettato un fiammifero acceso od una cicca io certamente non so immaginare. “Ci furono mai incidenti?” chiesi ad un gelataio. “Oh, certamente signore!” rispose quello con entusiasmo. “Qualcuno disattento può perdere un occhio od un braccio, ma il frastuono è tanto, tanto bello, non le pare?”. A prescindere dal mio shok nervoso però, sono stato completamente preso da questa arcadica bellezza del Mediterraneo.

Prezzi da paradiso di stella
Allineati come gioielli lungo la costa rocciosa del Tigullio, Rapallo, S. Margherita e Portofino sono di una eguale incomparabile bellezza. Si vedono piccole e graziose ville annidate nelle verdi colline, aranci lungo le strette strade e ovunque un selvaggio e prepotente fiorire di boungavillee e di scarlatti gerani. Non la quindi meraviglia che simili posti preferiti delle “stelle”. Il duca e la duchessa di Windsor sono di casa qui, il principe Ali Khan e Rita Hayworth vennero qui in luna di
miele e così pure Stewart Granger con la sua Jean Simmons. Ma tutto questo affluire di stelle non ha che un inconveniente: quello di portare i prezzi di tutto, a cominciare dalla tazza del caffè ad uno stato astrale. Le spiagge di qui non sono più grandi di Backyard’s Kelly ed affittare un pezzo di spiaggia largo come un francobollo per stendercisi sopra costa perlomeno15 scellini giornalieri. Per tale prezzo voi protrete avere una seggiola a sdraio, un ombrellone e, se siete fortunato, una bella bagnante praticamente seduta sul grembo. Io finora però sono stato sfortunato: ogni volta ho avuto come vicino un vecchio bagnante dall’ incipiente pancetta e dal respiro affannoso. La moda delle spiaggie qui naturalmente è tanto audace e provocante quanto lo è sulla Riviera francese.

La televisione uccide il colore locale
Riporto con dispiacere che la televisione sta rendendo monotona l’atmosfera una volta così gaia dei caffè italiani. Nei tempi andati ognuno soleva affollarsi nei caffè per chiacchierare, fare quella benevola maldicenza così insita nel carattere italiano,osservare la gente che sfilava in parata lungo la passeggiata e gioire di tutto questo. Suonatori di chitarra e di violino passavano di tavolo in tavolo, voi potevate sedere e sognare sopra il vostro Campari ascoltando la musica delle belle canzoni e melodie napoletane. Ma la minaccia della televisione –che è ancora una novità in Italia tale da attrarre folle al di fuori dei negozi che hanno in mostra gli apparecchi –ha distrutto tutto questo. Adesso ogni cliente di caffè cerca il tavolino più vicino all’apparecchio  televisivo e siede in solenne silenzio con i suoi occhi intenti allo schermo. Domani io prendo di nuovo la strada lungo la costa per raggiungere Ventimiglia e di qui la Riviere francese. So che anche se non è ancora arrivata Lady Docker, c’è vita e divertimento cosicchè la prossima settimana potrò raccontarvi che cosa succede in questa parte della costa mediterranea”.

Arthur Helliwell,  “Ho avuto la mia parte di Rapallo”, The People  dell’11 luglio 1954, ripreso da “Il Mare” del 22 Agosto 1954